Cerca brano o autore

Ti piace "Citazioni&Poesie"?

Aiutaci a far conoscere il nostro sito! Dillo ai tuoi amici:

Puoi anche seguire la nostra pagina Facebook o scriverci un messaggio:

Il mio cuore come una serpe si è spogliato della sua pelle e la tengo fra le mie dita piena di ferite e di miele. I pensieri annidati nelle tue rughe, dove sono? Dove le rose che profumavano di Gesucristo e di Satana? Povero involucro che opprimevi la mia stella fantastica! Grigia pergamena indolenzita di ciò che volli e ora non amo più. Vedo in te embrioni di scienze, mummie di versi e scheletri di antiche mie innocenze e di miei romantici segreti. Ti appenderò ai muri del mio museo sentimentale, vicino ai gelidi e oscuri gigli dormienti del mio male? O ti metterò sopra I pini -libro dolente del mio amore- perché tu conosca I trilli dell'usignolo all'alba?



Se il brano ti é piaciuto, condividilo con i tuoi amici:

Altri racconti su "Citazioni&Poesie"

Le cittá invisibili

  L’inferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce n’è uno, è quello che è già qui, l’infern...

Da questa parte del mare

  In effetti, chi tenta di sottrarsi alla frenesia che caratterizza il nostro tempo è davver...

Undici minuti

  La passione ti fa smettere di mangiare, di dormire, di lavorare, di vivere in pace. Molti si ...

Autori e Musicisti presenti nel Sito

Follow Us

Segui la nostra pagina social cliccando sul tasto "Mi Piace" e condividi i tuoi brani preferiti con la nostra Community!