Cerca brano o autore

Ti piace "Citazioni&Poesie"?

Aiutaci a far conoscere il nostro sito! Dillo ai tuoi amici:

Puoi anche seguire la nostra pagina Facebook o scriverci un messaggio:

Il mio cuore come una serpe si è spogliato della sua pelle e la tengo fra le mie dita piena di ferite e di miele. I pensieri annidati nelle tue rughe, dove sono? Dove le rose che profumavano di Gesucristo e di Satana? Povero involucro che opprimevi la mia stella fantastica! Grigia pergamena indolenzita di ciò che volli e ora non amo più. Vedo in te embrioni di scienze, mummie di versi e scheletri di antiche mie innocenze e di miei romantici segreti. Ti appenderò ai muri del mio museo sentimentale, vicino ai gelidi e oscuri gigli dormienti del mio male? O ti metterò sopra I pini -libro dolente del mio amore- perché tu conosca I trilli dell'usignolo all'alba?



Se il brano ti é piaciuto, condividilo con i tuoi amici:

Altri racconti su "Citazioni&Poesie"

La coscienza di Zeno

  È una delle grandi difficoltà della vita d'indovinare ciò che una donna vuole. Ascoltarne l...

Chiedi alla polvere

  Quelli che vale la pena di amare veramente sono quelli che ti rendono estraneo a te stesso. Qu...

Un romanzetto canaglia

  Di tanto in tanto facevo sogni atroci: vedevo i miei genitori che camminavano per una strada d...

Autori e Musicisti presenti nel Sito

Follow Us

Segui la nostra pagina social cliccando sul tasto "Mi Piace" e condividi i tuoi brani preferiti con la nostra Community!